Close

Projects

Contact

News

Let's connect

Digital experience tra gaming e live music

La pandemia è catalizzatore di esperienze virtuali e genera nuove forme d’intrattenimento destinate a durare nel tempo

É inevitabile chiedersi quali abitudini manterremo tra quelle sviluppate durante l’ultimo anno e mezzo di lockdown altalenanti: che effetto avrà tutto il tempo trascorso in casa alla ricerca di stimoli tra schermi di diverse dimensioni?

Il contatto costante con i più svariati servizi online per un lungo periodo di tempo ci ha avvicinato al mondo virtuale, portandoci ad apprezzare e valorizzare soluzioni ed esperienze che non avevano mai suscitato tanto interesse nelle masse, al di fuori dei gruppi di appassionati di web e gaming.

É proprio il mondo del gaming a acquisisce un ruolo centrale, non solo crescendo in termini di utenti e fatturato, ma soprattutto “insegnando” le proprie dinamiche ad altri settori e fornendo nuove ispirazioni. Vengono lanciate una serie di “experience” che combinano tecnologie tipicamente usate nei videogiochi con l’intrattenimento musicale, creano sfumature variegate e inaspettate. Nei mondi digitali non ci sono limiti di espressione artistica sul piano visivo, anche se le colorazioni ultrasature e gli scenari futuristici hyper-tech sembrano rimanere la colonna stilistica portante.

Ci muoviamo in una direzione sempre più ibrida, dove esperienze ed interazione virtuali non sono più in contrasto con quelle fisiche ma si integrano prendendo il meglio di entrambi i mondi, completandosi a vicenda.

Scopriamo quali sono stati fino ad ora i virtual live show più importanti e come hanno aperto la strada a sperimentazioni su larga scala che combinano musica, intrattenimento ed esperienze digitali.

Aprile 2020, lockdown globale: apre le danze Travis Scott con l’esibizione su Fortnite dove il rapper di Huston raccoglie 45.8 milioni di views su 5 live show, attirando un picco di 12 milioni di singoli giocatori/spettatori. Le sue tracce cambiano stile in continuazione, mutano ritmo e sonorità in maniera decisa, si sposano alla perfezione con gli scenari caotici e fantastici di Fortnite all’interno dei quali i gamer saltano e sfoggiano balletti al cospetto di un gigantesco Travis Scott, colossale e divino.

Qualche mese dopo è la volta di Lil Nas X sulla piattaforma di gaming Roblox dove il rapper presenta il suo nuovo singolo “Holiday” per la prima volta dal vivo: l’experience è progettata per essere mutevole, il contesto cambia per ciascuna delle quattro canzoni eseguite, un mondo diverso per ogni traccia per ricreare un mood unico, originale e d’impatto, e per mantenere alta la soglia dell’attenzione della giovane audience. Durante il concerto gli spettatori possono cimentarsi in mini giochi creati appositamente per l’occasione e accedere ad un negozio virtuale che offre prodotti esclusivi come accessori e pacchetti avatar di Lil Nas X.

Quattro spettacoli in due giorni raccolgono 33 milioni di visualizzazioni in totale: i concerti virtuali fanno parte di una strategia con cui Roblox punta a rimanere rilevante per i gamer che crescendo rischierebbero di allontarasi dalla piattaforma.

Iniziative simili si ripetono nel 2021, testimoniando che anche fuori da lockdown e costrizioni severe c’è spazio per esperienze ibride che combinano elementi di intrattenimento tradizionali con infrastrutture digitali. Nel febbraio 2021, Post Malone si esibisce in un concerto virtuale per celebrare il 25° anniversario di Pokemón: durante la performance di 15 minuti, il rapper si trasforma un avatar e viene trasportato in diversi ambienti Pokémon, totalizzando oltre 1.7 milioni di view in 2 giorni.

Sul fronte italiano entra in gioco il team composto da Fedez (rapper), tha Supreme (producer-rapper) e Young Miles (producer) che per il videoclip di “NO GAME FREESTYLE” decide di andare full-digital e full-gaming: il video viene realizzato interamente sul videogame GTA V RP (roleplay), dove i musicisti hanno modo di ricreare un avatar veritiero ed interagire all’interno di un mondo realistico dal setting cittadino, con lista di props e location senza limiti.

Se gli esempi visti finora partono da piattaforme di gaming che creano “experience” aggiungendo il layer musicale, Sensorium Galaxy si muove nel senso opposto: con la musica alla base, prende in prestito scenari e dinamiche d’interazione tipiche del mondo dei videogiochi per proporre un nuovo tipo di live performance per musica elettronica. Gli appassionati potranno usare un visore di realtà aumentata per accedere a una serie di universi digitali dagli scenari futuristici e straordinari. Impersonando un avatar sarà possibile interagire e ballare con altri partecipanti: non si tratta solo di utenti umani ma anche di “locals”, personaggi virtuali tipici del luogo governati da intelligenza artificiale.

Anche noi di SUPERBELLO siamo stati coinvolti nella realizzazione di un mondo digitale, abbiamo prodotto il video di lancio di EXPOWANTED una fiera virtuale per mobili e arredo di design!

Tramite il nostro PORTFOLIO potete scoprire quello che sappiamo fare meglio, dalla produzione di video commerciali alla gestione di eventi in streaming fino alla direzione artistica e creativa.

Post a Comment