Close

Projects

Contact

News

Let's connect

Creare un documentario

Qualche consiglio prima di cominciare.

Con l’articolo di oggi vogliamo condividere con voi qualche consiglio utile per creare un documentario. Chi di voi mastica un po’ di cinema lo sa: produrre un buon documentario è una sfida tutt’altro che banale, dato che le fasi preliminari di ricerca e selezione del materiale possono richiedere anche anni di tempo.

Certamente esistono delle linee guida che può essere utile seguire per portare a termine il progetto, e oggi siamo qui per condividerle con voi. Partiamo da un presupposto fondamentale: lavorare ad un documentario significa pianificare con precisione il lavoro e seguire le tappe prestabilite, impostando obiettivi a breve termine.

Non lasciatevi sopraffare dalla montagna di materiale che dovrete visionare e selezionare, ponetevi obiettivi quotidiani, tenendo sempre a mente che il tutto dovrà confluire in una storia significativa.

Scegliete il taglio del vostro documentario 

La prima domanda da porsi quando si comincia a lavorare a un documentario è: che storia voglio raccontare?

La seconda – per certi versi ancora più importante – è: come?

La scelta del taglio del documentario e dello stile della sua narrazione è fondamentale, e definirà una guida per tutto il nostro percorso.

Esistono svariati filoni documentaristici: da quello d’inchiesta a quello partecipativo, dal documentario d’osservazione a quello poetico.

Dalla scelta del tipo di documentario derivano anche una serie di importanti decisioni riguardo la sua narrazione, il tono, lo stile, la fotografia ecc.

Ricerche

Non esistono ricerche superflue o eccessive quando si sta lavorando ad un documentario: tutto ciò di cui verrete a conoscenza – anche il materiale che infine non mostrerete – farà parte del risultato finale e lo renderà più completo ed esaustivo.

La fase di ricerca è certamente la più affascinante, ma anche la più esasperante.

Passerete molto tempo ad approfondire il tema che avrete scelto: alcuni documentari hanno richiesto anni di ricerche prima di poter venire alla luce.

Articoli accademici, giornali, filmati, foto, reportage, interviste: tutto questo e molto altro sarà il materiale che dovrete vagliare ed approfondire.

Non fatevi scoraggiare da questo lungo processo e ricordate: lavorate sugli obiettivi a breve termine.

Condurre ricerche approfondite per un progetto documentaristico è un’arte a sé stante. Si tratta di un percorso lungo ed affascinante, durante il quale avrete modo di sfamare la vostra curiosità come in poche altre occasioni.

Selezionate ed organizzate il materiale

Il processo di editing non può cominciare senza prima aver selezionato ed organizzato il materiale. In questa fase è fondamentale essere scrupolosi per non vanificare gli sforzi fatti in precedenza.

Verosimilmente avrete molto materiale da organizzare dopo le vostre ricerche, perciò siate meticolosi.

L’editing infatti risulterà più fluido e naturale se avrete lavorato con ordine in precedenza, creando un sistema organizzativo solido. Prendete appunti durante le riprese, caricate subito i file ed eseguite i backup, create contenuti prioritari e rivedete frequentemente il materiale raccolto. 

Questi consigli renderanno il vostro editing decisamente più fluido.

Editing

La fase di editing – al di là di quali saranno le vostre scelte stilistiche – potrà essere svolta in due modi: successivamente alla raccolta del materiale, oppure durante la raccolta.

Chiaramente il primo approccio vi consentirà di lavorare con una prospettiva più ampia, e in generale lo consigliamo a tutti coloro che non hanno molta familiarità con i documentari.

Montare il materiale in fase di riprese, infatti, rappresenta una sfida più ardua, che richiede esperienza e piena consapevolezza dei propri mezzi.

Una volta eseguito un primo editing di sequenze filmate, dovrete trascrivere le interviste, selezionare gli scatti migliori, creare grafiche, tagliare le sequenze non necessarie e scegliere le musiche. Ognuna di queste azioni dovrà essere coerente con lo stile ed il messaggio del documentario, e attiene alla parte artistica – perciò del tutto personale – del vostro lavoro.

Il cinema documentario riguarda la ricerca e la scoperta della verità: non abbiate pregiudizi e presentate in maniera intellettualmente onesta il vostro lavoro, senza eccessive sofisticazioni o alterazioni dovute alla vostra prospettiva sui fatti.

Questi erano i nostri consigli per creare un documentario, fateci sapere se vi sono tornati utili!

Post a Comment